© 2018 by ECOISTITUTO ReGe 

Informativa per la privacy GDPR Ecoistituto REGE

01.02.2018

 

Partecipa al seminario:


EVIDENZE SCIENTIFICHE PER IL DIVIETO DEL GLIFOSATO, ALTERNATIVE PER IL DISERBO 

 

6 Febbraio 2018

Sala conferenze del Museo di Sant’Agostino, Piazza Sarzano 25r - Genova

 

PROGRAMMA:


ore 16:00

Presentazione del seminario e saluti degli enti organizzatori

 

ore 16:10 dott. Gianni TAMINO - Università di Padova

“Evidenze scientifiche nella valutazione dei rischi e dei pericoli connessi all’impiego del glifosato”


ore 16:40 dott. Giorgio COSTA - ASTER - Comune di Genova
“Il controllo dei vegetali infestanti nelle aree urbane genovesi, problemi e prospettive di gestione”


ore 17:00 prof. Mauro MARIOTTI, prof.ssa Alessandra DI TURI - Università di Genova
“Metodi sperimentali ecosostenibili per il controllo di specie erbacee in città”


ore 17:20 Stefano CHELLINI - presidente Associazione Italiana Agricoltura Biologica (AIAB) Liguria
“Alternative all’uso del glifosato in agricoltura”


ore 17:40 – 18:30 Interventi e discussione

 


Modera Teresa TACCHELLA
In collaborazione con Assessorato

29.01.2018

NOTA SUL GLIFOSATO

Il glifosate è un erbicida che, spruzzato sulle foglie, devitalizza l’intera pianta trattata che, dopo una decina di giorni, secca completamente.

Commercializzato dagli anni ’70, con il nome di Roundup, è l’erbicida più usato al mondo per uso agricolo, per il giardinaggio, per il diserbo di strade e ferrovie.​

Con pratiche d’ingegneria genetica si è sviluppata la resistenza di soia OGM a questo erbicida, con un’impennata ai suoi consumi.​

Nel 2015 l’Agenzia Internazionale per la Ricerca sul Cancro, in base ai risultati di ricerche pubblicate da riviste scientifiche, classificava il glifosate come “un probabile cancerogeno per l’uomo”.​

A seguito di questo parere, qualificato ed indipendente, nel 2016 il Ministero della Salute revocava l’immissione al commercio dei prodotti fitosanitari contenenti glifosato con un particolare coformulante che ne potenziava gli effetti tossici.​

Nello stesso anno, il Comune di Genova deliberava di bandire l’uso del glifosate nel diserbo da realizzare in ambiti urbani, scelta ancora in vigore.​

Nel 2017, sulla spinta delle grandi imprese agricole e con il parere contrario di Italia e Francia, l’Unione Europea ha rinnovato l’autorizzazione all’uso agricolo del glifosato per altri cinque anni.​

14.01.2018

LA TELENOVELA DEL GLIFOSATO

Glifosato pro, glifosato contro. Cerchiamo di fare chiarezza.

Il glifosato è un pesticida, con  spiccate capacità di diserbante e come tale è il più usato nel mondo. Pertanto il suo impiego come erbicida  è molto diffuso lungo le strade e i tracciati delle ferrovie.

E’ stato classificato dalla IARC (Agenzia Internazionale per la Ricerca contro il Cancro) di Lione come probabilmente cancerogeno per l’uomo.

In Europa. Il Parlamento europeo aveva chiesto la messa al bando immediata, ma la Commissione Europea, a maggioranza,  ha invece approvato il suo impiego ancora per 5 anni. Molte nazioni europee, tra cui Italia e Francia, si sono schierate contro il prodotto. Il Parlamento europeo ha respinto la proposta della Commissione di rinnovare per 10 anni la licenza al controverso erbicida, si è invece espresso per una sua eliminazione definitiva a partire dal 15 dicembre 2022 e per una restrizione immediata nell’uso di questa sostanza.

Anche se la comunità scientifica non è ancora arrivata alla definizione di sicura cancerogenicità, deve valere il Principio di Precauzione, riconosciuto dagli organismi internazionali ed in alcune sentenze, secondo cui è doveroso privilegiare la tutela dell’ambiente e la salute degli esseri viventi, in presenza anche soltanto di un rischio di danno.

Ricordiamo poi che i pesticidi sono molto spesso (è questo il caso anche del glifosato) degli “interferenti endocrini”: attraverso questo meccanismo interferiscono con il normale funzionamento delle ghiandole endocrine causando diversi tipi di patologie: malattie endocrine, malattie neuro-degenerative, diabete, malattie croniche e tumori.

Non ci risulta che esista una deliberazione ufficiale del Comune di Genova per mettere al bando l’anticrittogamico; ci risulta invece che già dallo scorso anno Aster,  Agenzia del Comune di Genova per la manutenzione delle strade, ne abbia sospeso l’acquisto e l’impiego.

Una recente presa di posizione della senatrice a vita Elena Cattaneo su “La Repubblica”, in difesa dei pesticidi e degli OGM, ha scatenato ulteriormente il dibattito a livello scientifico. Per questo anche EcoistitutoReGe ha deciso di intervenire e di fare la sua  parte: presto sarà organizzato un evento pubblico per fare finalmente chiarezza sul problema del glifosato e degli altri fitofarmaci.

01.09.2017

E' online la nuova pubblicazione di Ecoistituto REGE, il Quaderno dell'Ecoistituto n.1

 

This site was designed with the
.com
website builder. Create your website today.
Start Now